Private House Archivi - Lucè Torino
117
archive,tax-portfolio_category,term-private-house,term-117,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-2.0,vertical_menu_enabled,wpb-js-composer js-comp-ver-4.4.2,vc_responsive
luce torino progettazione illuminotecnica appartamento 800 privato illuminazione

Archeologia Residenziale

Una casa di inizio ‘800, dimora di una giovane famiglia che colleziona arte contemporanea. Un lavoro di risanamento trasfigurato in provocazione, per valorizzare tutto ciò che la casa a poco a poco svelava: telai e tasselli di legno nelle murature, tamponamenti posticci, brandelli di vecchie tappezzerie, decorazioni cristallizzate, impronte di quadri antichi, accessori abbandonati.

LA LUCE?….un completamento sincero…..

Locale Palestra 2003

L’illuminazione del locale palestra è stata realizzata utilizzando apparecchi ad incasso per le pareti laterali e i gradini di ingresso e apparecchi a plafone per l’illuminazione generale.

Gli apparecchi ad incasso delle pareti laterali generano un flusso luminoso rivolto verso l’alto che, sfruttando la riflessione del legno di tek, viene ridistribuito nell’ambiente contribuendo all’illuminazione generale della stanza.

Contemporaneamente i proiettori a soffitto generano dei fasci di luce sul pavimento, creando una sequenza di luci e ombre fino alla zona in cui interviene la luce naturale. Questa componente fondamentale per la salute dell’organismo proviene dalla grande porta finestra che chiude la stanza, creando una cornice che guarda verso l’esterno; in questa zona il pavimento è trattato con una finitura in pietra che, a sua volta, riflette la luce naturale e la distribuisce verso l’interno.

Sorgenti a LED sono poi inseriti nei gradini di accesso alla stanza, come segnapasso, e incassati nella parete di destra, seguono il profilo delle onde intagliate nel tek per creare un effetto scenografico durante la notte.

Casa Bottega 2010

L’illuminazione di questa casa privata rappresenta perfettamente le molteplici possibilità che la luce crea, al di là della sua funzione base del permettere la visione in assenza di luce naturale. Qui la luce crea un percorso, un filo conduttore che guida nei vari ambienti di questa singolare abitazione del centro storico di Torino.

Realizzate nella pavimentazione, incassate e quasi invisibili, delle lame di luce scandiscono i vari ambienti, evidenziando i cambiamenti di finiture e di funzioni ed accostandosi perfettamente, con stacchi tra moderno e antico, alla semplicità degli ambienti, delle pareti intonacate e degli elementi d’arredo. Sulle pareti spiccano le decorazioni ad arabeschi, in forte contrasto sia con le pareti che con il colore freddo delle luci ma, per loro natura, elementi leggeri ed eleganti che avvolgono le pareti e conducono lo sguardo oltre i volumi degli ambienti.

Elementi ad applique contribuiscono all’illuminazione generale e d’accento e piccole reglette lineari illuminano la camera padronale, arricchita da un materiale particolare come il policarbonato con finitura HoneyComb; la luce viene filtrata e moltiplicata dalla struttura a nido d’ape, evidenziando il soppalco e la struttura del letto.

Progetto: studio architetto Francesco Massarini

vedere
http://europaconcorsi.com/projects/153852-arabeschi-in-casa-bottega

Villa storica a Rivarolo 2011

Luce e architettura in villa storica a Rivarolo
Luce e architettura camminano insieme, si uniscono, si plasmano.
Apparecchi invisibili creano tagli di  luce mettendo in risalto i decori di soffitti e pareti.
Grappoli di sfere dalla superficie lunare creano riflessi e giochi di luce nell’ambiente.

Progetto architettonico: Arch. Donetti Silvia
Progetto illuminotecnico: Arch. Cosentino Simona

luce torino progettazione illuminotecnica villa privata illuminazione

Solo Luce 2010

Una casa in cima alla collina, quasi una villa di Eisenman, ma in mattoni faccia a vista (1975, arch. Pio Luigi Brusasco e Giovanni Torretta). Due piani fuori terra, una tensione perfetta di pieni e vuoti, e un piano seminterrato, che era il garage, ed è diventato casa. Cemento armato, laterizio, ferro cor-ten e vetro per seguire brutalmente un diagramma compositivo in cui ogni allineamento ha un significato e ogni misura un valore. LA LUCE?…..fa parlare la materia, arriva, si insinua, percorre le superfici e le disegna….ma non ha nome, non ha forma, non ha design….è lei stessa design…..

http://europaconcorsi.com/projects/187633-Eisenman-a-Revigliasco-Ristrutturazione-di-un-seminterrato-e-non-solo-